saluto

sabato 7 aprile 2012

La leggenda degli ulivi


LA LEGGENDA DELL’ULIVO E DELLA PALMA
Quando Gesù si recava a pregare nel Getsemani, gli ulivi erano alberi dritti e robusti, apprezzati anche dai falegnami che usavano il loro legno per creare vari oggetti di uso domestico.
Quando Gesù fu arrestato e processato, in breve si sparse la voce che sarebbe stato condannato alla crocifissione. 
Il sommo sacerdote Caifa mandò i soldati a cercare due lunghe e robuste travi di legno per costruire la croce. Nel bosco il vento sparse la voce di questa ricerca: le palme tremarono dalla paura, non volevano essere il legno buono per la croce, abbassarono le lunghe foglie e si svuotarono all’interno, i soldati le esaminarono e le scartarono. Loro erano felicissime di non essere state utili e fecero danzare le loro foglie nel vento. Quegli uomini si diressero allora verso l’uliveto. Nel vederli arrivare, gli alti ulivi maestosi e saggi, provarono dolore e vergogna e si contorsero torturati da una forza interiore. Non volevano essere loro il legno della croce, si ridussero a delle forme rattrappite, si piegarono e si torsero talmente tanto che i rami si spezzarono, e il tronco si piegò spaccando la corteccia. Vedendo quegli alberi i soldati si resero conto con rabbia che erano inservibili, così cercarono un altro tipo di pianta per costruire la croce. Gli ulivi furono felici, per la felicità piansero e le lacrime si tramutarono in piccole gocce chiamate olive. Questo è il dono fatto loro dal Padre Creatore per essersi rifiutati di diventar complici dell’uccisione di Suo Figlio.
Da allora la pianta dell’ulivo è contorta.

Ps.  Questa leggenda ricorda quella del "faggio di S. Francesco" < click

20 commenti:

  1. Non conoscevo questa leggenda.

    Serena e Santa Pasqua a te e famiglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho conosciuta grazie ad un'email che mi hanno mandato.
      Buona giornata cara Gianna, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  2. Emozionante leggenda!
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  3. Certe storie, vere o finte che siano, emozionano, soprattutto in certi momenti. Auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti l'ho messa perchè legata al periodo pasquale.
      Ciao Roscio benvenuto fra i miei lettori.
      enrico

      Elimina
  4. Buongiorno caro Enrico, sperò che avevi sereni giorni di pasqua, noi eraviamo via con il camper e abbiamo avuto una pasqua sereno in tutti sensi, ti auguro una bella giornata e ti abbraccio con amore Pif

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rebecca, anche io ho trascorso bene queste festività con i miei famigliari. Spero che siate stati fortunati anche con il tempo
      Buona giornata, un abbraccio.
      enrico

      Elimina
  5. Lo sai Caro Enrico Che questa letzende non La sapevo per niente.
    Grazie di averla condivisa.
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. Ciao caro Tomaso spero ti sia piaciuta.
    Buona giornata
    enrico

    RispondiElimina
  7. Bellissimo... a volte questo fiabe toccano molto il cuore..

    mi domando sempre se Gesù dovrei tornare un giorno ancora qui sulla terra.. ci comportiamo come nel passato o sappiamo apprezzare il dono del suo padre.. ?..

    bussi💋 e buona giornata 💛 🐇 🐣 🐑 🌻

    RispondiElimina
  8. Molto dipenderebbe dal Paese in cui comparisse, ma temo farebbe una brutta fine anche oggi.
    Basta guardare con quale facilità i terroristi uccidono persone innocenti che non chiedono e non predicano nulla. Ciao cara Rebecca, serena settimana Pasquale, un abbraccio, bussi
    enrico

    RispondiElimina
  9. Anche io non conoscevo questa leggenda ma mi piace molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è una storia che mi è piaciuta ed è appropriata al periodo Pasquale.
      Ciao Carmine serena e felice Pasqua per te e i tuoi cari.
      enrico

      Elimina
  10. Questa proprio non la conoscevo. Ottima e la riverso a tutti i miei amici francesi. Ciao Enrico e buone feste pasquali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elio ci vuole una bella pazienza per riscriverla il francese :-)
      Serena e felice Pasqua per te e famiglia.
      enrico

      Elimina
  11. Caro Enrico gostei de ter conhecido este lado da História de Cristo, qual seja a preparação da madeira de boa qualidade para a cruz, que o foi o início e o fim da desumana tortura. Parabéns.
    Desejo ao amigo uma Feliz Páscoa.
    Um abraço.
    Pedro

    RispondiElimina
  12. Caro Pedro io credo che queste leggende siano state create da persone sensibili, sconvolte dalla cattiveria e dalla crudeltà di pochi individui.
    Serena e felice Pasqua per te e i tuoi cari, un abbraccio.
    enrico

    RispondiElimina
  13. Sono storie affascinanti quelle come questa su piante e fiori e animali, però non riesco a non sorridere pensando che sono anche balorde spiegazioni dell'evoluzione delle specie! Comunque, sempre piacevoli da leggere. Senza fantasia non si può stare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono leggende che spettacolarizzano avvenimenti forse reali e storie come queste che si possono raccontare anche ai bambini perché esaltano i buoni sentimenti e sono meno cruente delle favole popolate da streghe, orchi, bimbi abbandonati e altre amenità :-)
      Ciao Anna, felice e serena Pasqua per re e i tuoi cari, un abbraccio.
      enrico

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM